Traduzione “Vechi targ din Banat” Petre Stoica – Vecchio mercato del Banato (1963)

traduzione a cura di Federico Donatiello.

Ah, cai furtunoşi sau resemnaţi, cai de plug,
mângâiaţi pe bot, cǎutaţi pe-ndelete la dinţi,
cai goniţi în cerc sǎ se vadǎ cǎ nu sunt bolnavi,
şi armǎsarul ridicat în douǎ picioare subţiri
arǎtându-şi pântecul argintiu cu pale del foc –
şi nebunul privea mângâind nevǎzute obiecte,
copilul plângea ingrozit, uneori asculta
melodia flaşnetei monotonǎ ca zilele verii
ce-aveau sǎ nu mai revinǎ vreodatǎ –
ah, şi planetele papagalului nu spuneau niciodatǎ nimic
despre viaţa celor îngenuchiaţi cu pǎlǎria în faţǎ,
a celor lungiţi ca reptilele, veşnic cerând
banul coclit de sudoarea din palmǎ…
Strǎlucirea paielor risipite pe haine! Strǎlucirea
Pǎpuşii de turtǎ dulce culcatǎ pe braţ –
Şi chipul îmi fugea ca mercurul pe-oglinda
Pǎpuşii turtite… Şi trompetele lungi de carton
Anunţând cǎderea îngerilor în visele noastre
De copii purtaţi de vârtejul cǎluşeilor trişti!
Nebunul privea îndrǎgostiţii fotografiaţi
Lângǎ peisajul cu avion şi palmieri violeţi,
orbul cânta din vioarǎ un imn lui Dumnezeu,
râului în care neauzit cobora. Sprijinit
peste vise, bǎtrânul tǎcut ca un patriarh
vindea lipitori şi rǎdǎcini de lecuit milioane de boli,
nebunul ridica boabele porumbului strivite în praf
semǎnându-le-n ogoare pe cari numai el le vedea.
Mugetul taurului gonind cutremura o clipitǎ pe cei
Ce fumau vorbind despre recolte şi dragoste –
Sau blestemau şi râdeau şi plângeau
În zgomotul monedelor aruncate
Prin praf, pe tejghea…

Petre Stoica

Ah, cavalli burrascosi e mansueti, cavalli da tiro,
accarezzati con cura sul muso, guardata la bocca senza fretta,
cavalli fatti correre in cerchio ché se ne veda il vigore,
e lo stallone alto sulle zampe sottili
mostrava il ventre argenteo dai ghirigori di fuoco –
Ed il folle che vedeva e carezzava oggetti invisibili,
il bambino che piangeva impaurito ed ascoltava a tratti
la melodia dell’organetto, monotona come i giorni d’estate
che non sarebbero mai più tornati –
Ah, e gli oroscopi del pappagallo che non parlavano nemmeno
una volta
di chi, inginocchiato con il cappello davanti,
allungato come un rettile, chiedeva eternamente
un soldo eroso dal sudore del palmo della mano…
E il bagliore della paglia sparsa sui vestiti! Il bagliore
Del pupazzo di marzapane coricato sul braccio –
E l’immagine che mi sfuggiva come l’argento vivo sullo specchio
Del pupazzo appiattito… E le lunghe trombe di cartone
annunciavano la caduta degli angeli nei nostri sogni
di bambini portati dal vortice di cavallini tristi!
Il folle osservava i fidanzati fotografati
Nel paesaggio con l’aereo e le palme violette,
il cieco strimpellava sul violino un inno al Signore,
al fiume nel quale, inascoltato, sprofondava. Appoggiato
sui sogni, il vecchio, taciturno come un patriarca,
vendeva sanguisughe e radici per curare milioni di malattie,
il folle raccoglieva i semi di granturco schiacciati nella polvere
seminandoli in campi che solo lui era in grado di vedere.
Il muggito del toro in corsa faceva tremare per un attimo quelli
Che, frettolosi, mangiavano e bevevano di gusto, il viso rivolto
verso le nuvole,
e fumavano chiacchierando di raccolti e di amore –
E bestemmiavano e ridevano e piangevano
Tra il rumore delle monete gettate
Nella polvere, sul bancone…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: