Quando la TV fu di ruolo

di Antonio Lauriola. «Sono operatore. Ma veramente, essere operatore, nel mondo io cui vivo e di cui vivo, non vuol mica dire operare.» Pirandello, I quaderni di Serafino Gubbio operatore. Mal comune – forse – o colpa dei tempi e dell’indole, ad avere ventisette anni e nostalgia di tempi passati, vissuti, o intravisti nei ricordi … Continua a leggere

Il panorama della musica vintage – Anteprima PADOVA VINTAGE FESTIVAL

IL PANORAMA DELLA MUSICA VINTAGE Collezionismo, sottoculture e marketing postmoderno – ANTEPRIMA PADOVA VINTAGE FESTIVAL di Mirko Ruzza Il vintage come fenomeno di nostalgia, culto e valorizzazione del passato è tra i trend più emergenti e dilaganti del consumo contemporaneo. Moda, design, editoria, musica, spettacolo: in tutti i settori dell’industria culturale stanno emergendo fenomeni di … Continua a leggere

“La vita non funziona se non con il senno di poi” – CAM#05: TRASH!

“LA VITA NON FUNZIONA SE NON CON IL SENNO DI POI” Il mondo rivisto da Chuck Palahniuk: siamo tutti nel trash di Antonio Lauriola Il mondo è tutto ciò che accade. WITTGENSTEIN L’uomo è sulla cinquantina, ha i tratti vagamente slavi e il fisico ipertrofico degli steroidi americani. Di sua madre c’è niente da dire. … Continua a leggere

“Eutanasia” – Racconto

di Alberto Bullado. «Dicevano che mi avrebbero confermato una B». Ero automunito, avevo il cane, un piccolo giardino. E persino un tagliaerba, anche se non esattamente di ultima generazione. «Ma tua moglie è un cesso». Fausto. Uno che delle graduatorie se ne fregava. Casa sua era un buco di culo e come posto di lavoro … Continua a leggere

Cosa resterà di quegli anni Ottanta

di Tommaso De Beni. Quando si pensa agli anni Ottanta molti rievocano il colore rosa, i Duran Duran, i Ray Ban, ad un periodo spensierato in cui l’unica idea era godersi la vita nel pieno delle possibilità. Negli Stati Uniti, il Paese che da sempre dà grandi indicazioni alle mode e agli stili di vita, … Continua a leggere

Vintage Ergo Sum – Anteprima PADOVA VINTAGE FESTIVAL

VINTAGE ERGO SUM Tra culto materialistico, fenomeno di massa e rivendicazione identitaria – Anteprima PADOVA VINTAGE FESTIVAL di Alberto Bullado   Si potrebbe parlare del vintage come di un microcosmo di simboli di tendenza già massificato, che ha letteralmente invaso l’immaginario collettivo. Basti pensare all’impatto del burlesque con la moda, del fenomeno delle pin up, … Continua a leggere

Il linguaggio della politica – CAM#05: TRASH!

IL LINGUAGGIO DELLA POLITICA Tra sdoganamento del brutto e rovesicamento di Tommaso De Beni e Alberto Bullado Nel finale del romanzo Il pianeta irritabile di Paolo Volponi, edito nel 1978, il nano Mamerte inveisce contro Moneta, l’ultimo uomo rimasto sulla terra, governatore e rappresentante del potere e del capitalismo. Entrambi si scagliano addosso parole pesanti … Continua a leggere

Il “tempo liquido” del vintage – Anteprima PADOVA VINTAGE FESTIVAL

IL “TEMPO LIQUIDO” DEL VINTAGE L’Isola che non c’è del modernariato – Anteprima PADOVA VINTAGE FESTIVAL di Alberto Bullado   C’è un legame che avvicina il vintage all’umanesimo. L’umanista è geneticamente e culturalmente “vintage” e lo è anche socialmente parlando, in quanto personaggio un poco superato, apparentemente demodè, ma non al punto di non essere … Continua a leggere

“I’m the foot fuckin’ master” – CAM#05: TRASH!

“I’M THE FOOT FUCKIN’ MASTER” La rivalutazione del trash come elemento di qualità nel cinema di Quentin Tarantino di Antonio Lauriola. Un’operazione in voga nei tempi del world wide web, ma che procede dalla diffusione delle riviste e degli studi di genere, è la ricerca di liste, o canoni, che offrano l’irrinunciabile di una data … Continua a leggere

Giuseppe Lupo – L’ultima sposa di Palmira

di Tommaso De Beni. Il 1980 è un anno di stragi in Italia: l’attentato alla stazione di Bologna, il disastro aereo di Ustica e il terremoto dell’Irpinia. A differenza degli altri due quest’ultimo non è opera dell’uomo e non ha un colpevole da trovare, ma lascia i segni per sempre. O meglio, cancella per sempre … Continua a leggere

“Se dovessi fare una foto al papa lo ritrarrei mentre si lava i denti” – CAM#05: TRASH!

“SE DOVESSI FARE UNA FOTO AL PAPA LO RITRARREI MENTRE SI LAVA I DENTI” David LaChapelle: da Courtney Love al Diluvio Universale. di Sara Apostoli. Giusto qualche scatto. Una ragazza vestita di leopardo rosa e viola è accasciata addosso ad un muro ricoperto di manifesti musicali strappati; accanto a lei, un poliziotto in posa statica … Continua a leggere

Claudio Lolli – ovvero, della tenerezza

di Isacco Tognon. Succede spesso, è un copione che non si stanca di ripetersi. In posti improbabili, con persone sconosciute riunite da motivi e amicizie delle più disparate, capita di ascoltare canzoni nuove. E non c’è niente da fare: basta qualche accordo, una frase, qualcuno che ti dica “sì, questa la devi proprio ascoltare”. E … Continua a leggere

Dai Libertini ai Cannibali – CAM#05: TRASH!

DAI LIBERTINI AI CANNIBALI Il postmoderno letterario italiano sospeso tra kitsch e trash di Tommaso De Beni.   Umberto Eco, nella raccolta di saggi Apocalittici e integrati (1°ed. Garzanti 1964) si sofferma a lungo su uno snodo teorico importante per la critica letteraria, italiana e non: il kitsch. Sono almeno due, a mio avviso, i … Continua a leggere

Black blocs, black cops and black colf

di Alberto Bullado. A dieci anni dai fatti di Genova e dalla morte di Carlo Giuliani può essere interessante costruire un parallelo con il nostro presente e con i fatti di cronaca che hanno animato l’opinione pubblica qualche settimana fa. Se non altro perché in seguito alle contestazioni No Tav e alla capitolazione (?) del … Continua a leggere

Gaijin – CAM#05: TRASH!

di Alberto Bullado. Racconto ispirato a qualcosa di vero. Naturalmente. Gaijin (外人 gaijin) è una parola della lingua giapponese che significa letteralmente “persona esterna (al Giappone)”, cioè colui che non è nativo, non è del luogo. Con questo termine vengono indicati dai giapponesi gli stranieri: gaijin ha una connotazione un po’ più dura e talvolta … Continua a leggere